Vincitore 30 Day Challenge: Giugno 2013

di 20 luglio 2013

Si è concluso poche settimane fa il 30 Day Challenge di Giugno.

Abbiamo registrato buonissime performance, ma ad aggiudicarsi il primo posto è stato Sergio Rubino che ha fatto registrare un +11,62% rispettando le regole del campionato.

Ci siamo sentiti in via telematica e l’ho intervistato.

1 – Ciao Sergio. Prima di tutto volevo congratularmi con te per il buon risultato ottenuto. Ti andrebbe di farti conoscere un po’ da chi sta leggendo dicendo chi sei, cosa fai nella vita, hai qualche hobby,…?
Grazie! Mi chiamo Sergio Rubino ho 23 anni, sono di Matera e seguo i mercati valutari.

2 – Cosa ti ha spinto ad imparare a gestire i tuoi risparmi e non affidarti a terzi tipo Assicurazioni o Banche come fa la moltitudine? Non pensi che ciò porti un certo rischio e impegno?
Affidare i proprio risparmi a terzi  permette di vivere in maniera più rilassata in quanto non sono io a gestire direttamente i risparmi, ma è altrettanto vero che molto spesso ci sono dei costi (di gestione, di caricamento e commissioni varie) che vanno ad incidere parecchio sulle performance finali e che rendono la stessa performance negativa. Mentre il Forex è vero che comporta un impegno elevato da parte mia  perchè sono io a gestire attivamente i risparmi, però è anche vero che avvalendomi di tecniche profittevoli nel lungo periodo mi permettono di ottenere delle performance addirittura migliori di quelle che vengono proposte normalmente da banche o assicurazioni. Per quanto riguarda il rischio con un buon Money Management il rischio sarà sempre minimo e controllato.

3 – Come sei arrivato a noi e perché hai scelto di diventare un Premium?
Sono arrivato a voi tramite una vostra lezione gratuita nelle quale è stata spiegata la tecnica LONG TERM e viste le ottime performance da me testate ho deciso di diventare un Premium.

4 – Fino adesso come ti è sembrato il servizio che offriamo?
Fin ora un ottimo servizio.

5 – Solitamente qual è il tuo metodo di trading: che time frame prediligi, quale tecnica usi, quanto tempo ci dedichi giornalmente,…?
Al momento utilizzo la Long Term sul 4h e Daily ed è stata la tecnica che mi ha permesso di vincere il 30 Day Challenge, ma sto anche imparando altre tecniche per avere un’operatività intraday. La tecnica Long Term richiede pochissimo tempo di analisi. Mentre per le altre tecniche e analisi dedico circa 8/9 ore al giorno.

6 – Hai avuto fino adesso dei “momenti no” dove tutto sembrava andare contro le tue analisi? Se si, vuoi parlarci di come le hai superate?
I momenti no ci sono per tutti, io li ho superati continuando ad applicare il metodo in modo scrupoloso perchè a mio avviso è l’unico modo per poter recuperare le perdite.

7 – Durante il 30 Day Challenge: Giugno 2013 ci sono stati Premium che hanno ottenuto un profitto maggiore del tuo, purtroppo non rispettando le regole del campionato al contrario di come hai fatto tu. Quanto è importante secondo te avere disciplina e un buon Money Management?
Disciplina e Money Management per me sono ai primi posti tra le regole che deve rispettare un trader. Solo con disciplina e Money Management si possono ottenere profitti costanti nel lungo periodo.

8 – Stai operando ancora in demo o sei già in azione con un conto real? E se sei ancora in demo, cosa aspetti a fare il grande passo?
Ci sto lavorando per poter essere profittevole anche in real.

9 – Bene, ti stringo virtualmente la mano e ti ringrazio ancora per la cortesia dimostrata nello rispondere alle mie domande. L’ultimo spazio è per te: dì quello che vuoi riguardo al Forex, alla tua esperienza o qualche consiglio da dare a chi si avvicina per la prima volta a questo strumento finanziario.
Il 30 day Challenge sicuramente è una sfida molto costruttiva in quanto vengo memorizzati tutti i trades e quindi è un modo per creare una sorta di diario in modo tale da poter notare bene i propri errori. Per chi si avvicina a questo strumento finanziario consiglio molta formazione e soprattutto molta disciplina. Un saluto allo staff di Professione Forex.

Conclusioni:

Questo mese ci sono state delle performance migliori di quella di Sergio, ma purtroppo sono state ottenute senza rispettare il severo regolamento del campionato che basa le sue fondamenta su disciplina e Money Management.

Ogni partecipante, infatti, deve non solo rischiare non più del 2% della propria equity per trade, ma anche riportare nel diario in Myfxbook il grafico ed i motivi che lo hanno spinto ad entrare a mercato.

Questo perché, citando il buon Sergio:
“Solo con disciplina e Money Management si possono ottenere profitti costanti nel lungo periodo.”

Che è l’obiettivo che ci siamo prefissati di insegnare noi di Professione Forex a tutti i nostri corsisti.