Trading forex: come proteggersi dalle news

di 06 marzo 2017

Non fare gli errori che ti bruciano i soldi sul Conto.
Visita le nostre risorse gratuite prima che sia TROPPO TARDI!!!

Ogni trader che si rispetti sa che durante la settimana operativa vengono pubblicate notizie macroeconomiche che, a seconda del grado di importanza, sortiscono un determinato effetto sul mercato del forex, generando schizzi improvvisi ed imprevedibili del prezzo.

Grazie al calendario economico è possibile sapere in anticipo la data e l’ora in cui tali notizie saranno rilasciate.

 

A cosa serve sapere il periodo di rilascio delle news?

  • Serve ad evitare di esporsi a rischio non controllato nell’imminenza di questi dati. E’ consigliabile, ogni qualvolta vi sia previsto un rilascio di notizia ad alto impatto (evidenziate sui calendari con bollino rosso), evitare di aprire posizioni a mercato su un cross o un cambio relativo alla valuta interessata. L’imprevedibilità dei prezzi potrebbe mandarvi in stop prima del tempo.
  • Serve a gestire eventuali posizioni aperte a mercato per proteggere il proprio capitale ed evitare pesanti stop loss. I trader che operano con tecniche di lungo termine sono spesso soggetti a queste situazioni e quindi devono sapere come gestire al meglio le loro posizioni.
  • Serve a cogliere opportunità di trading nel brevissimo termine. Esistono tecniche che permettono di operare sfruttando l’inerzia dell’esplosione di volatilità generata da questi dati.

Mi soffermo sul secondo punto per darvi dei consigli fondamentali che possono fare la differenza.

Supponendo l’imminenza dell’emissione dei NFP (Non-Farm Payrolls), il dato macroeconomico più atteso dagli investitori e che dunque produce scossoni del prezzo caratterizzati da una volatilità compresa tra i 50 e 100 pip di media, Possiamo agire, a seconda della situazione, in questi modi:

Valuta a che punto è la Tua conoscenza del FOREX
facendo il Test di valutazione gratuito.

  1. Posizione in pieno profitto. Sottinteso lo stop a pareggio (o break even),si può valutare la chiusura di buona parte di posizione per evitare che un’eventuale esplosione di pip a sfavore azzeri il nostro guadagno.
  2. Posizione in leggero profitto. La soluzione più giusta è quella di chiudere l’intera posizione ed evitare un pesante stop loss con eventuale slippage. Da evitare la più aggressiva azione di allargamento o (peggio ancora) annullamento degli ordini stop loss.
  3. Posizione in perdita. Anche in questo caso è consono chiudere la posizione. Meglio chiudere con una piccola perdita che rischiare il tracollo definitivo (rischio non controllato).

Ovviamente non tutte le news ad alto impatto producono  effetti devastanti come i NFP ed è quindi necessario imparare a conoscere quelle maggiormente controproducenti anche in relazione alla strategia operativa.

Ad esempio, news ad alto impatto come retail sales per il dollaro americano, con volatilità al disotto dei 30 pip possono “non allarmare” per l’applicazione di tecniche di lungo che prevedono un’ampiezza stop loss dell’ordine dei 100 pip e più.

 

Buon Trading,
Giacomo Cipriano

Prova il nostro Corso Forex Start GRATUITO.
Ti senti pronto per iniziare? Diventa subito un TRADER VINCENTE.

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.