Servizio analisi del 15 gennaio 2015

di 15 gennaio 2014

Cambi e cross in trend

Le coppie di valute che sui grafici daily attualmente si trovano in una situazione di trend sono:

  • EUR/USD ()
  • EUR/NZD ()
  • EUR/JPY ()
  • GBP/USD ()
  • USD/CAD ()
  • CAD/JPY ()
  • AUD/NZD ()
  • NZD/CAD ()
  • USDOLLAR ()
  • OILUSD ()

Cambi e cross con occasioni imminenti

OILUSD DAILY ()

Cosa sta succedendo:

Il petrolio in forte deprezzamento, dopo l’invalidazione del pattern operativo su tf h4 proposto ieri, sta consolidando una valida situazione per operatività daily. Il prezzo ha rotto il livello zona 50 dollari e sta formando un buon segnale su di esso ritestandolo come resistenza. Come possiamo apprezzare dall’immagine, il prezzo ha sfiorato il 50% di fibo e non ci garantisce un buon rr per la posizione in cui si trova il setup in formazione, inoltre non è escluso che potrebbe ricaricare ulteriormente fino al livello 54 dollari, coincidente con il 61% di fibo. Ciò non pregiudica una presa di posizione sfruttando la situazione attualmente sviluppatosi. Nel caso in cui venisse confermato il pattern, il prezzo potrebbe arrivare fino all’area 37.50 dollari.

Decisioni da prendere:
Valutare con attenzione lo schema operativo ed eventualmente piazzare ordini pending short.

usoil

GBP/USD DAILY()

Cosa sta succedendo:

Il cable prosegue la sua marcia a ribasso ed entro stasera dovrebbe consolidarsi un setup valido (pin binaria o inside). Il prezzo ha rotto il buon livello 1.5250 ed ha effettuato il pullback rimbalzando su di esso. Anche qui il problema risiede in un ritracciamento mediocre, infatti siamo al 38% ed il prezzo potrebbe risalire fino alla resistenza area 1.5400 coincidente con il 61% di fibo. Tuttavia, fatte le dovute considerazioni e tenendo presente dell’apprezzamento del dollaro (valuta rifugio) scaturito da situazioni di scompiglio generale (news sul Chf ed annesse manovre della SNB), si potrebbe operare.

Decisioni da prendere:

Aspettare che si consolidi il segnale e valutare con attenzione la situazione prima di piazzare ordini a mercato. Il ritracciamento non è dei migliori anche se coincide con un discreto livello sr, inoltre, tra il 38% ed il 61% di fibo, vi è un gap ed il prezzo potrebbe andare a ricolmarlo. Ago della bilancia affidato alla fuzzy logic.

gbp

USDOLLAR()

Cosa sta succedendo:

Propongo l’operatività su questo strumento derivato per coloro che usano la TS2 di FXCM. L’USDOLLAR misura l’andamento dell’USD nei confronti delle principali valute e permette di sfruttare il vantaggio di un apprezzamento o deprezzamento generalizzato di questa valuta. fatta questa breve premessa passiamo ai dettagli.
Evidente andamento long che ha portato alla rottura del livello 11.588 ed al compimento del ritracciamento (61%) su di esso ritestandolo come supporto. Il segnale che si sta formando ha invalidato il precedente ed anche in questo caso non garantisce un rr vantaggioso. I cicli sono regolari anche se brevi (11 periodi) e seguono una trendline di lungo termine con una certa precisione (da notare il segnale che cade nell’incrocio trendline ed sr). Questo pattern ha i suoi difetti però, rispetto ai precedenti analizzati, risulta più affidabile.

Decisioni da prendere:

Aspettare la chiusura delle contrattazioni giornaliere (conferma del setup) e valutare un’ eventuale entrata a mercato.

usdoll

*****

Cambi e cross da tenere sotto controllo nei prossimi giorni

XAU/USD H4()

Situazione che si sta sviluppando:

L’oro nel medio-breve termine sembra aver instaurato una tendenza long. Il prezzo del CFD ha rotto a rialzo il livello tondo 1243.50 ed è prevedibile un inizio di ritracciamento che potrebbe culminare con il retest dell’ex resistenza come supporto. Aspettiamo che inizi la fase di pullback e si formi un bel segnale sul livello.

xa

Le occasioni proposte hanno in comune un difetto principale, ovvero non garantiscono un rr accettabile, tuttavia si può ovviare a ciò operando con lo sconto. Le news riguardanti i tassi di interesse sul chf (manovre della SBN, sciolto il peg con l’euro) unite alla situazione EUR hanno generato movimenti di mercato inauditi.Tutte le valute rapportate al chf si sono deprezzate dell’ordine di 1300 pips, un movimento di pochi minuti ha bruciato trend forti come quello toro su USDCHF che durava da sei mesi. Ci ritroviamo con un CHF pari all’EUR.

Vi auguro buon trading e vi rinnovo l’appuntamento per domani.

Giacomo

Commenti