Quale tecnica di trading Forex? e su quale time frame?

Probabilmente ti sarà capitato di avere occasioni di trading quasi simultaneamente sullo stesso grafico ma con tecniche diverse oppure situazioni nelle quali, per aver perso un potenziale ingresso, hai definitivamente rinunciato al trade; magari in alcuni periodi pur applicando bene la tecnica di trading i risultati non ti soddisfano notando un appiattimento della curva d’equity.

Come comportarsi in questi casi? Ci affidiamo al caso oppure consultiamo l’oroscopo?

Ovviamente ricerchiamo una risposta valida alla domanda ed è proprio l’analisi tecnica a fornircela: i cicli.

Tecniche di trading: i cicli nel Forex

Il prezzo, come sai, non si muove sempre in maniera netta e retta verso una direzione ma il suo evolversi è piuttosto complesso, dettato da periodi di contrattazione. La teoria dei cicli afferma che i grafici hanno un andamento ciclico e disegnano delle figure che tendono a ripetersi in un certo lasso di tempo.

Se prendiamo un trend e ne consideriamo i massimi o i minimi relativi, noteremo che si formano delle onde le cui dimensioni di ampiezza ed altezza sono date dall’operatività di vari traders, piccoli e grandi, che aprono e chiudono operazioni e che vendono o acquistano su time frame diversi.

Questo concetto di forte significato teorico e ben approfondito all’interno del Premium, diventa ancor più importante ed utile nella pratica di tutti i giorni se affiancato al tempo. Difatti i cicli sono composti da altri sotto cicli ed a loro volta, ne compongono altri di più ampio respiro; variando il timing di un grafico possiamo analizzare in questo modo le onde che compongono un trend e porci in vantaggio andando ad applicare la o le tecniche di trading a favore di mercato.

Avere il mercato dalla propria parte

Quando effettuiamo l’analisi di contesto, quella per intenderci, in cui analizziamo i migliori livelli di supporto e resistenza ed in cui ricerchiamo eventuali figure di inversione, visualizzeremo anche i cicli per capire in quale fase del ciclo siamo. In questo modo cercheremo di capire se il mercato, per quel periodo temporale preso in esame, ha buone possibilità di andare long o short.

In che modo questo aiuta il nostro trading? Prendiamo il caso in cui un trader stia analizzando un trend discesista cercando occasioni di ingresso con la tecnica di trading forex Long Term e che, pur avendo una potenziale occasione, il pattern da lui voluto non si realizzi: il giorno successivo il prezzo parte short.

tecniche_strategie

Conoscendo l’andamento ciclico del trend principale è possibile seguirne lo sviluppo analizzando i cicli più piccoli che compongono questo andamento discesista e quindi, su un Time Frame minore, prendere posizione nel momento in cui entrambi i timing sono concordi.

Ciò può essere il caso pratico che mi sono trovato di fronte quando ad una occasione LT scartata, il grafico mi ha dato l’opportunità di entrare successivamente a time frame più basso con la tecnica di trading Suprema, senza dunque dover rinunciare a quella opportunità ed avendo anche il “favore” del mercato.

 

strategie_tecniche
Oppure, sapendo che cicli “piccoli” compongono cicli più ampi, conoscendo tecniche di trading che funzionano con principi diversi, vi è anche la possibilità di operare in trend su un certo TF pur trovandoci sul ritracciamento del medesimo grafico che mostra un trend di un TF superiore.

 

Importante: mai nulla per scontato

L’applicazione di questa metodologia ci pone in una situazione ideale per sfruttare al meglio i movimenti di volatilità ma è comunque necessario, per entrare a mercato o per disporre i nostri ordini in piattaforma, che si realizzino le necessarie condizioni affinché una tecnica di trading sia applicabile. Dato per assodato questo, ci piazzeremo dalla parte del mercato che secondo l’analisi ciclica è più profittevole.

Credo che questo articolo sia un interessante punto di vista per un oculato approccio al mercato. Vi auguro buon trading mentre con i corsisti l’appuntamento è all’interno del Premium ed alle consuete lezione live.

Alessandro Vitali

Salva