Il segreto per un’ottima analisi tecnica forex

di 14 agosto 2017

Non fare gli errori che ti bruciano i soldi sul Conto.
Visita le nostre risorse gratuite prima che sia TROPPO TARDI!!!

Ogni volta che un buon trader si mette di fronte ad un grafico del Forex, la sua attenzione è rivolta a prevedere l’andamento del mercato. Per fare ciò cerca figure che statisticamente gli indichino una possibile inversione, continuazione o quant’altro della direzione del prezzo.
Questo modo di operare viene definito analisi tecnica forex.

Per fare una buona analisi tecnica forex bisogna conoscere cosa si intende per:

  • Trend
  • Indicatori di inversione
  • Trend line
  • Supporti e Resistenze
  • Figure di continuazione

Trend

Con tale termine si definisce l’andamento del prezzo. Il suo movimento non segue mai una retta, ma continua a fare delle oscillazioni definendo dei massimi (il grafico a destra e a sinistra è inferiore rispetto a quel valore) e dei minimi (il grafico a destra e a sinistra è superiore rispetto a quel valore).

Si dice che il trend è: crescente (Bullish), quando abbiamo i massimi e minimi relativi crescenti; decrescente (Bearish), quando i massimi e minimi relativi sono decrescenti; laterale quando il prezzo è racchiuso in un determinato range (zona delimitata).

Supponiamo di essere in presenza di un trend crescente; ad un tratto noto che i massimi e minimi relativi sono inferiori a quelli tracciati in precedenza: questo potrebbe essere un buon segnale di inversione del trend.

Indicatori di inversione

Nel grafico vengono spesso a crearsi delle particolari figure che molto probabilmente anticipano l’inversione del mercato.

Abbiamo il doppio o triplo massimo: il prezzo dopo aver tracciato un minimo relativo, sale fino al massimo relativo precedente una o due volte senza superarlo.
A quel punto è molto probabile che avvenga l’inversione.

In caso di trend decrescente, ho il doppio o triplo minimo: l’andamento è identico a quello descritto sopra, ma invertito.

Abbiamo poi la trend line: questa è una retta che si traccia nel grafico unendo i minimi relativi in un trend crescente e massimi relativi in un trend decrescente. Il prezzo, col passare del tempo, tenderà a rimbalzare addosso a tale retta; nel caso la sforasse, avrei un buon segnale di inversione di trend.
Un rafforzativo dell’inversione potrebbe essere il caso che il prezzo, una volta rotto la trend line, la ritestasse ma segnando un massimo (nel caso di trend crescente) inferiore al precedente.

Supporti e Resistenze

Ci sono dei valori di prezzo ai quali il cambio rimbalza, tornando nella direzione di provenienza; un po’ come se si scontrasse contro un muro di gomma.

Si parla di supporti quando il cambio che sta scendendo rimbalza verso l’alto una volta toccato quei livelli; si parla di resistenze quando il cambio che sta salendo rimbalza verso il basso una volta toccato questi altri livelli.

Valuta a che punto è la Tua conoscenza del FOREX
facendo il Test di valutazione gratuito.

Prima o poi tali livelli vengono rotti, così facendo molto spesso i supporti si trasformano poi in resistenze e viceversa.
Quando questo accade, avviene talvolta l’impennata del prezzo verso la direzione della rottura.

Una buona Strategia SR mi potrebbe, non solo indicarmi come riconoscere i livelli importanti di Supporti e Resistenze, ma anche come poterli sfruttare in modo profittevole per il mio stile di trading.
Potrei, ad esempio, inserire degli ordini pending di entrata a quei livelli contando sul fatto che proprio lì potrebbe avvenire una inversione di mercato.

Figure di continuazione

Può capitare che sebbene sia in presenza di un trend crescente o decrescente, il prezzo si prenda una “pausa” proseguendo in modo laterale o leggermente contro trend.
Possiamo quindi incontrare dei triangoli, quando il movimento è laterale ma con candele sempre più piccole; oppure di Flag, quando il movimento del prezzo è leggermente contro trend ma confinato tra due rette perpendicolari oblique.

In presenza di tali figure, dobbiamo aspettarci la rottura di uno dei due lati per una ripresa del trend circa pari all’ampiezza del movimento compiuto dal prezzo compreso tra il minimo relativo (ad esempio in un trend crescente) e l’inizio della pausa.

Conclusioni

L’analisi tecnica Forex si base principalmente su un fattore psicologico del trader: se tutti vedono la stessa cosa, tutti faranno la stessa cosa!

L’approccio al trading è quindi molto discrezionale; se ad esempio una trend line su un grafico la posso tracciare in diversi modi, i segnali che potrei trarre da tale indicatore non sarebbero degni di nota perché non condivisi dalla maggior parte dei trader.

Stesso discorso per i Supporti e Resistenze o per le figure di continuazione.

E’ anche vero che più di questi segnali ho in contemporanea, maggiore sarà la loro vericità proprio perché maggiori saranno le persone che vedono quello che vedo io e si comporteranno di conseguenza.

La pratica è quindi fondamentale per poter riconoscere i veri segnali da quelli falsi e da ciò che veramente è importante da quello trascurabile.

Molto utile, soprattutto all’inizio, ho trovato consultare dei Libri Forex; ma ciò che per me ha fatto veramente la differenza per migliorare la mia analisi tecnica, è stata l’iscrizione ad un Corso Forex.

Con l’aiuto dei vari trader professionisti, ho imparato a guardare i grafici con i loro occhi, vedendo e valutando segnali che da solo molto probabilmente non avrei saputo trovare: una cosa sono gli esempi che solitamente si trovano in giro, un’altra è trovarli nei grafici in reale.

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.