I Cicli nel Forex, e non

di 29 dicembre 2015

Non fare gli errori che ti bruciano i soldi sul Conto.
Visita le nostre risorse gratuite prima che sia TROPPO TARDI!!!

Fare trading seguendo la direzionalità del mercato

Si sa che per ottenere degli ottimi risultati nel trading, i trader retail debbono seguire la tendenza del mercato. Non mi sto riferendo solamente ai trend grafici.

Per incrementare i potenziali take profit dobbiamo posizionare le nostre entrate di acquisto o vendita in linea con l’andamento generale, seguendo il “clima” del mercato, il quale ha le sue fasi di crescita e di decrescita che si ripetono nel tempo.

Come sfruttare l’andamento ciclico del mercato è spiegato in un altro articolo del blog.

Oggi voglio parlarvi di come individuare una ciclicità usufruendo del solo grafico e di indicatori di base per tutti i trader: le medie mobili.

Individuazione di un trend

Già da solo, il grafico ci fornisce tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno.

Nel contesto di oggi, ci permette di individuare una tendenza ovvero: capire se il prezzo sta direzionandosi con nuovi valori sempre maggiori oppure inferiori. Se sta generando nuovi massimi e minimi relativi.

L’identificazione puntuale di ogni nuovo massimo (e relativo minimo) è materia base per individuare i trend ma sono anche punti di riferimento per identificare le onde con cui l’andamento si costituisce.

Le onde sono un segno evidente nel grafico di una certa ciclicità in atto la quale, relativamente al lasso temporale trattato, fornisce al trader spunti operativi che indichino se tale trend ha ulteriori possibilità di proseguire e se esso, sia direzionato pro o contro i cicli del mercato.

tendenza

Utilizzo delle medie mobili

Mi riferisco al plurale poiché è necessario al nostro scopo utilizzare più indicatori di questo tipo.

Le medie indicano il prezzo medio, generalmente di chiusura, delle contrattazioni del periodo di riferimento. In un grafico giornaliero, avere una media di 10 periodi, indica il prezzo medio delle ultime dieci giornate di mercato.

Le medie sono mobili per il fatto che ad ogni nuovo periodo, ne viene scartato l’ultimo della serie, così da avere una indicazione sempre aggiornata al momento attuale.

Si capisce da questa loro costruzione come riportino informazioni di tendenza del prezzo e che lavorano su dati passati. Possono essere esponenziali così da essere maggiormente sensibili alle informazioni dell’ultimo periodo, ma il concetto non cambia.

Valuta a che punto è la Tua conoscenza del FOREX
facendo il Test di valutazione gratuito.

medie mobili

Se abbinate alla visualizzazione di un grafico in cui riuscire a stabilire una certa ciclicità e paragonate ai movimenti di questi cicli, esse possono però indicarci in quale fase del ciclo ci troviamo e fornire punti di svolta del mercato nel quale operare con le varie tecniche.

Nel Premium questo è un dettaglio di analisi che viene aggiunto alle tecniche così da dare supporto al trading con tecniche come la Long Term.

Invece strategie operative come la Fibo (qui spiegata) sfruttano i cicli del mercato per individuare il momento propizio di ingresso, il quale poi sarà dato dalla conferma di eventuali set up.

Medie mobili e cicli all’opera

Individuati massimi e minimi di un trend che fanno ragionevolmente pensare ad una ciclicità in atto, andremo ad inserire due medie sul grafico a periodi diversi.

La periodicità della media di lungo periodo verrà calcolata al doppio della dimensione dei cicli ricavati dal grafico; quella di breve sarà ottenuta dalla metà della stessa dimensione. I parametri saranno poi adattati di poco, se necessario, in modo che i due indicatori mobili siano il più possibili congruenti al prezzo.

medie e cicli

Dall’immagine si visualizza quanto sopra descritto, con un trend, cicli evidenti e le medie impostate. Da questa situazione potremmo meglio comprendere quando la tendenza è finita per far si che se ne generi un’altra.

Oppure è possibile utilizzare altri strumenti come i ritracciamenti di Fibonacci o i livelli statici di prezzo come ulteriore ausilio di analisi supportati dalla tendenza individuata nelle medie.

O ancora, variando di TF, si va ad identificare tendenze generate da cicli più ampi all’interno dei quali è posto il nostro grafico operativo, andando chiaramente a fornire utili consigli di analisi.

Alessandro Vitali

Riuscire ad essere profittevole nel Forex è possibile!
Iscriviti subito al Corso Gratuito e approfitta di questo fantastico regalo: Corso Base sul Forex

Vuoi di più? Conosci il Programma Premium 3.0
Lasciati aiutare e Diventa un Trader Professionale del Forex Profittevole e Autonomo!

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.

Commenti