Ecco un modo semplice per utilizzare i Pivot Points

di 16 ottobre 2013

Non fare gli errori che ti bruciano i soldi sul Conto.
Visita le nostre risorse gratuite prima che sia TROPPO TARDI!!!

Nell’articolo della scorsa settimana abbiamo visto cosa sono i Pivot Points e perché sono importanti nel trading. Teniamo sempre presente che i pivots sono parte della famiglia dei supporti e delle resistenze, e dunque per utilizzarli al meglio valgono le buone regole che dobbiamo normalmente applicare al trading su questi livelli.

Certo, lavorando sui pivots partiamo con un enorme vantaggio. Anzi, due. Il primo è che non dobbiamo lavorare per individuarli e plottarli: la nostra piattaforma lo farà automaticamente per noi. E soprattutto, sapremo che questi livelli verranno visti da tutti. Quest’ultimo non è un dettaglio da trascurare.

Sarò noioso ma: la ragione per cui alcuni pattern funzionano meglio di altri è perché sono visti da più traders, tutti con l’obiettivo di trarne profitto seguendo le regole delle tecniche.

La funzione più comune dei pivot points è quella di costituire un’area di potenziale profitto. Questi livelli funzionano come una calamita, soprattutto nel trading intraday. Se date un’occhiata ai vostri grafici indietro nel tempo, noterete che quasi sempre uno dei livelli viene raggiunto durante la giornata.

La (piacevole) cosa è che ciò avviene spesso quando il prezzo rompe o comunque si allontana dal pivot principale.

Dunque, molto semplicemente possiamo sfruttare i pivots così:

 

 

Questo è un grafico impostato su timeframe orario, shortato sotto il pivot principale.

Per il resto (e come detto diciassette righe più su), il trading sui pivots si effettua applicando le stesse regole che utilizziamo in presenza di supporti e resistenze. La differenza è: considerata la forza di questi livelli, potremo anche essere un pelino più aggressivi e (ad esempio) entrare su un rimbalzo senza attendere il pullback (cosa altrimenti raccomandabile in questi casi su SR).

Torniamo sul grafico precedente, e guardiamo alla moviola questo movimento:

 

Valuta a che punto è la Tua conoscenza del FOREX
facendo il Test di valutazione gratuito.

 

Scendendo sul timeframe al minuto vediamo che è accaduto questo:

 

 

Il prezzo ha “sentito” il livello S1 producendo una binaria perfetta (se scendessimo ad un timeframe ancora inferiore vedremmo una bella pin rialzista). Senza indugiare oltre andremo quindi ad aprire un long alla rottura della binaria:

 

 

In questo trade sono riassunte tutte le qualità dei pivots. Il livello S1 ci ha dato il pattern di entrata, e fa da trincea in caso di retromarcia del prezzo. Lì sotto andremo a piazzare il nostro stop loss.

Il pivot principale è il nostro target, con un risk reward (1:3) di tutto rispetto. Lassù possiamo chiudere metà della posizione e lasciar correre l’altra verso il livello successivo (stop a rischio zero, mi raccomando), se non addirittura chiudere tutto: “porta a casa e sii felice”, per citare il nostro Nik.

(Nik è al momento uno dei migliori corsisti di Pfx, praticamente un cecchino della nostra strategia SR. Tanto bravo da diventare un punto di riferimento per tutta la comunità del Forum. Venite nel Premium, sarò lieto di presentarvelo).

E non perdete d’occhio il blog, ci vediamo qui la prossima settimana.

 

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.