Broker Forex – Come si comportano?

di 04 giugno 2012

All’ITF di Rimini ho avuto modo di parlare con diverse persone e soprattutto diversi rappresentanti dei broker sul Forex e ho avuto modo di confrontarmi sull’annosa questione “Ma i broker tradano contro i trader?“. Voglio condividere con voi quello che è emerso su come si comportano i broker in modo molto diretto senza tanti fronzoli.

Il Ruolo del Broker Forex

ECN, Market Maker, STP

Innanzitutto facciamo una premessa che esistono broker di diverso tipo e ne avevo parlato in maniera più approfondita sul mio altro sito sul Forex dove avevo parlato delle differenze tra broker Market Maker, STP e ECN.

In ogni caso, a prescindere dal broker, anche se ti dice che i tuoi ordini li manda tutti a mercato non è così perchè nel mercato del forex si entra a partire da posizioni nell’unità dei lotti in su. Se tu tradi con minilotti o microlotti, il tuo ordine viene come minimo accorpato ad altri ordini prima di essere mandato a mercato, oppure a mercato non ci arriva proprio e viene gestito internamente dal broker.

Quando ci troviamo in questa seconda opzione (e lo fanno tutti i broker per ordini piccoli, sia che siano Market Maker, STP o ECN) si dice che il broker assume una posizione contraria alla tua.

Cosa significa che il broker assume una posizione contraria?

Significa che per consentire a te trader di prendere il trade, garantiscono loro la liquidità immediata assumendosi il rischio del trade. Mi spiego meglio: quale rischio? Il rischio che se il tuo trade è vincente sono loro di tasca propria che ti pagano i guadagni. Quindi quando si dice che il broker assume una “posizione contraria” non vuol dire come molti pensano che stia tradando contro di noi. Questo è il primo importante passo da capire.

Come i broker gestiscono il rischio?

Ovviamente i broker non possono accettare questo rischio e “sperare” che i trader perdano, non vi pare? Già si sapeva, ma è stato bello avere una conferma diretta da diversi broker all’ITF. I broker (credo tutti anche se non vorrei fare di tutta l’erba un fascio, quindi dico quasi tutti…!) eseguono continuamente analisi statistiche sulla profittabilità dei trader che hanno aperto un conto con loro.

Per i trader che sono statisticamente vincenti non si assumono mai il rischio di mantenere la posizione contraria, ma gestiscono l’operazione o mandando l’ordine a mercato oppure accoppiandolo con un altro ordine contrario di un altro trader, dipende ovviamente dal tipo di broker.

Come guadagnano i broker?

I broker quindi guadagnano in 2 modi:
a) Dalle commissioni che prendono per ogni trade, che sia lo spread oppure le commissioni, la sostanza cambia poco. Quindi più un trader fa operazioni, più guadagnano.
b) Se un trader statisticamente è perdente, mantengono la posizione contraria. Il Forex è un gioco a somma zero, c’è chi perde e chi vince. Se individuano un trader perdente a loro basta essere la controparte per vincere.

Conclusioni

Ora probabilmente ci sarà tra voi qualche moralista che non trova giusto questo secondo tipo di entrata. Io la penso diversamente, a patto ovviamente che il broker non faccia cosa scorrette per far perdere il trader, cosa che peraltro succede sempre più raramente con broker di alta fascia.

Io credo che il mercato detta la legge e è sempre l’individuo che determina il proprio destino. Sei un trader scadente che si avventura nel mercato a fare trading senza la giusta preparazione? Allora qualcuno prenderà i tuoi soldi, che sia il broker o che sia un altro trader sul mercato poco cambia.
Sei preparato e sei profittevole, allora passerai dalla parte di quelli che si approfittano (giustamente) del fatto che ci sono tanti sprovveduti nel mercato.

Come non essere un pesciolino in un mercato di squali?

squali del trading

Come detto l’importante è prepararsi e diventare un trader che rispetta le regole, una tecnica, la disciplina e il money management. Ci sono mille modi per farlo, se vuoi farti aiutare da noi puoi considerare il Premium:
Abbonamento Premium (Tutto Online)

Commenti