Come rovinare una trade

di 07 marzo 2012

Salve a tutti, in questo articolo voglio mostrarvi un operazione che ho eseguito in reale sul mio conto personale.

L’ operazione in questione è stata fatta sul cross AUD/CAD su di un Time Frame Daily.

Operazione che inizialmente è andata per il verso giusto, raggiungendo in poco tempo il primo Take Profit, permettendomi di mettere l’ operazione a Free Risk, e di guardare l’evolversi della trade con una certa tranquillità.

Si, tranquillità, perché anche se non lo si ammette, un poco di ansia quando si ha una trade in macchina che può rintracciare ed andare a colpire il nostro Stop Loss, è sempre presente, e quindi non siamo proprio tranquilli pur sapendo che il nostro rischio è limitato.

Preferisco comunque giocare a bocce ferme con la sicurezza di non perdere niente, questo penso che sia un sentore che riguarda un po’ tutti e non solo il sottoscritto.

Non che non ci dorma la notte, sia inteso, ma penso che se in un operazione ci si trova a Free Risk, sia la sensazione di aver fatto una buona operazione, sia la sicurezza di non perdere nulla ci fa sentire sicuramente meglio.

Quindi in men che non si dica mi sono ritrovato nel paradiso del trader (Free Risk), pensando già agli ipotetici guadagni che potevo cogliere.

Il grafico vi mostra la trade:

Entrata sulla Pin Bar con presa del primo Take Profit.

Rintracciamento del prezzo dopo uscita delle notizie.

Noterete infatti la bontà del Trend in atto, che perdurava da più di due mesi, il ritracciamento di Fibonacci era sicuramente buono, anche se la media l’avrei preferita più bassa ho deciso che era un operazione che aveva le caratteristiche giuste per essere eseguita.

Il grafico alla fine mi ha dato ragione, ma purtroppo anche quando sembra che tutto vada nel verso giusto, a volte le cose cambiano, e ci si ritrova in una posizione diversa da quella auspicata.

Infatti, dopo aver preso il primo profitto ed aver raggiunto quasi il secondo, il prezzo rintraccia.

Ed ecco, che solo a questo punto che mi accorgo di aver fatto un piccolo errore.

Il secondo Take Profit era piazzato appena sopra il massimo precedente, cosa che invece non doveva essere, era preferibile piazzarlo qualche pip sotto, quindi eseguo la correzione in corsa, pensando che anche se fossi stato in ritardo, con la prossima candela avrei preso il mio secondo Target.

In questa occasione ho perso la possibilità di realizzare subito il gain, ma non mi sono disperato più di tanto in quanto fiducioso del trend alle mie spalle.

Se non ché, nella giornata di contrattazioni successiva, quella buon anima “del Bernanke” a braccetto con la BCE decidono di tirarmi un bello scherzetto, il primo delineando nel proprio discorso una difficile ripresa economica, facendo intendere che la Fed non metterà in campo un nuovo piano di allentamento quantitativo, mentre per la seconda decidendo di immettere nel mercato ulteriore liquidità.

Conclusioni:

Francamente l’ho presa un po’ sul personale, ma so a chi è andata anche peggio.

Il prezzo spara una candela ribassista da far sbiancare anche i Traders più esperti, estromettendomi dalla possibilità di cavalcare questo bel trend.

Pazienza, il mio piccolo guadagno l’ ho raggiunto, mi spiace solo che non ho realizzato il secondo Take Profit solo per una svista che tra l’altro avevo già sottolineato in un articolo precedente.

Capite bene quello che intendo, in questo lavoro niente è certo e scontato, quindi ogni sbadataggine la si paga con i propri soldi, o con mancati guadagni.

Sono accortezze che non vengono naturali, ed anche se è quasi un anno che bazzico nel mondo del dei mercati valutari, a volte ci casco ancora anche io.

Questo descritto, è uno spaccato della mia operatività, dove ho commesso un piccolo errore, che poteva costarmi caro in termini economici se non avessi raggiunto la prima presa di profitto, ho pagato in egual maniera in termini di profitto, non è proprio la medesima cosa ma da ugualmente fastidio commettere leggerezze di questo tipo.

Spero che questo piccolo esempio vi permetta di evitare certi errori, semplicemente per il fatto di averli letti prima in un articolo.

Sono esperienze reali, che comunque fan parte del percorso formativo di ognuno di noi.

Per oggi è tutto, vi auguro buon Trading ed una splendida giornata.