Come le idee muovo i mercati

di 28 ottobre 2016

Non fare gli errori che ti bruciano i soldi sul Conto.
Visita le nostre risorse gratuite prima che sia TROPPO TARDI!!!

“Andrò in Parlamento e proporrò che il popolo britannico decida il nostro futuro in Europa attraverso un referendum giovedì 23 giugno.”

Così si espresse l’allora Primo Ministro inglese David Cameron ed in seguito al Brexit la Sterlina ne ha viste un po’ di tutti i colori e noi traders con lei, osservando il mercato valutario e non solo.

Il recente caso del crollo della moneta del Regno Unito avvenuta nella notte del sette di ottobre, ha generato un nuovo terremoto nei mercati.

Evento molto particolare di cui già eravamo stati partecipi con il ricordo ad inizio anno, di quel Franco Svizzero che violò inaspettatamente (almeno per molti traders) quel supporto la cui SNB ebbe impostato come limite. Poi scopertosi non così inviolabile.

Questi eventi mi hanno portato a scrivere questo articolo in cui, utilizzando il più recente avvenimento macro economico, vorrei portare l’attenzione a certe dinamiche di cui anche il Forex vi fa parte cercando di evidenziare i dati o gli aspetti più pratici agli operatori retail.

A puro titolo informativo, come gli iscritti Premium sanno, ciò che alla fine conta di più è ciò che scaturisce dal grafico, ovvero l’analisi tecnica pura; dalla cui valutazione dipende l’operatività.

La situazione

Agli inizi del mese di ottobre, i grafici legati al GBP segnavano tutti delle tendenze ribassiste, legate alla perdita di valore della moneta.

Questa ad esempio, la situazione tra i vicini di casa, EUR/GBP:

sterlina

L’attenzione era rivolta agli esiti post Brexit dove la decisione del Popolo inglese stava avendo effetti sull’economia politica del loro Paese e di conseguenza, nella realtà globalizzata come quella di oggi, anche su vari altri Paesi.

Nello stesso tempo assistevamo ad una nuova propensione al rischio delineata da vari asset che davano un quadro con i principali indici azionari in ascesa, l’oro in calo ed una ripresa del Dollaro Americano.

Nei giorni a seguire avremmo avuto conferma della nuova forza del biglietto verde.

L’evento

Quel giorno di venerdì 7, erano circa le ore 1:30, la moneta inglese ha perso violentemente terreno nei confronti di tutte le altre valute e toccando, nei confronti del dollaro statunitense, i minimi da oltre trent’anni.

Nei confronti con L’Euro ci si avvicinò alla parità di valore. Tale movimento tanto eclatante rientrò nel giro di pochi minuti.

– gbpusd candela di crollo
brexit

Ricordiamoci che il Forex è il mercato più liquido del mondo ed in tal senso scambia ogni giorno quantità enormi di volumi di transazioni; ed è O.T.C. ovvero non regolamentato, Over the Counter.

Detto questo non ha una cassa di compensazione ed i valori di ogni broker dipendono dal loro meccanismo di funzionamento e dalle banche a loro associate. Quindi ogni ordine trova facilmente una controparte che bilanci nel mercato l’acquisto o la vendita.

Nelle 24 ore vi sono anche momenti in cui la liquidità è maggiore e momenti in cui essa può essere decisamente inferiore.

Valuta a che punto è la Tua conoscenza del FOREX
facendo il Test di valutazione gratuito.

Le possibili cause

I commenti che tentarono di spiegare il fatto accaduto riguardavano varie possibilità, alcune più verosimili di altre. In primis vi fu l’idea di un errore da parte di un algoritmo che causò a catena, una serie di operazioni da parte di altri sistemi di lettura del mercato.

Questo è il cosiddetto “fat fingers” o errore da dita grasse, modo di dire anglosassone per spiegare un errore da parte di qualcosa o qualcuno.

Subito venne l’idea che qualche speculatore volesse approfittare della situazione del Cable per generare alta volatilità direzionale e crearsi dei profitti. Se così fosse, pur essendo in un mercato OTC, vi sono varie autorità di vigilanza e ne sapremo di più in proposito in futuro.

Altra ipotesi è quella del complotto europeo nei confronti del Regno Unito, data la precedente decisione di uscire dal progetto Europa.

Cosa è avvenuto tecnicamente

broker_-sterlina

Ogni broker gestisce gli ordini dei propri clienti in base al valore dei prezzi battuti dal mercato i quali, sono specifici per ogni intermediario, seppur allineati in senso generale.

Quando avvenne l’evento, la liquidità a disposizione poteva non essere affatto elevata dato che l’orario in cui si ha maggiore rischio è tra le 23:00 e l’1:00 ore italiane perché solamente Nuova Zelanda ed Australia sono operative da poco.

Tokyo avvia la seduta subito dopo aumentando decisamente la liquidità del mercato oceanico e quindi internazionale.

E’ necessario capire che se gli attori a mercato sono pochi, è più complicato trovare delle controparti che ad un determinato valore dove noi abbiamo il nostro ipotetico ordine, sono disposti a bilanciare.

Quindi, ipotizzando che per qualsiasi ragione ci sia stato un ordine o più di vendita avvenuto per errore, quel “buco” creatosi dovrà poi essere stato ricoperto per risanare il fatto avvenuto. Ma per mancanza di liquidità il crollo è stato poderoso.

Va da se che più sono grossi gli ordini più la direzionalità ha forza e consistenza. E se altri poi si accodano iniziano a generarsi le tendenze di più lungo periodo ma questo non è ciò che è avvenuto e nelle ore successive gran parte del movimento è stato riassorbito.

Tale fase di rientro non ha però giovato a coloro che erano pronti a mercato con dei sell.

crollo-sterlina

Difatto, indipendentemente dalle cause, rimane che molti stop sono stati presi, prima per coloro che erano long e poi per coloro che erano short o che per coprirsi avevano aperto a ribasso. In queste situazioni di alta volatilità c’è anche il rischio reale di venir eseguiti male.

Sia per questioni tecniche dei broker legate alla velocità di processare gli ordini, che per i valori battuti dal prezzo che ogni broker riceve, sia per la disponibilità limitata di controparti nel mercato.

Per il trader retail online questi avvenimenti sono difficili da prevedere ma è anche vero, che utilizzando tecniche adeguate, consapevolezza e money management adatto, non è così impossibile rimanerne fuori.

Alessandro Vitali

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.

Commenti