Come impostare il Take Profit nel forex in modo profittevole

di 05 ottobre 2011

Alzi la mano quanti di voi, nonostante abbiate fatto un’attenta analisi e pensato di aver fatto il grosso del lavoro decidendo il prezzo di entrare a mercato e impostato lo stop loss in base al vostro Money Management, si accorge che c’è un ultimo ostacolo da superare, un dubbio che potrebbe fare la differenza tra un ottimo trade vincente o meno e si chiede sempre:
Ma a che livello di prezzo imposto il take profit nel forex?

Per rispondere a tale domanda occorre scendere nei particolari spiegando:

  • Cos’è il Take Profit
  • Come lo imposto io

 

Cos’è il Take Profit

Il take profit nel forex è un ordine inviato a mercato ad un livello di prezzo prefissato e serve a chiudere una posizione in profitto una volta che questa lo ha raggiunto.
Potremmo dire che è l’opposto dello stop loss e molto più gradito come evento: i soldi, infatti, non si fanno quando si apre una posizione, ma quando la chiudiamo in profitto.

Ha il vantaggio di chiudermi la posizione in profitto anche se io non sono in quel momento davanti alla mia piattaforma, lasciandomi molto più tempo da dedicare ad altre cose (lavorare, dormire, leggere,….).
Cosa questa molto utile se il mio stile di trading prevede di rimanere a mercato per molte ore o giorni.

Come lo imposto io

Indipendentemente dalle Strategie Forex che utilizzo, il mio take profit nel forex deve avere un Risk/Reward (RR) pari almeno a 1/1,5.
Cioè se ad esempio aprendo una posizione rischio 100€, il mio take profit dovrà almeno farmi guadagnare 150€ o superiori; in caso contrario potrei non considerare nemmeno il trade.

Con Risk/Reward troppo bassi, basterebbero anche poche trade negative consegutive per vanificare i guadagni ottenuti fino ad allora dai precedenti trade vincenti.
Ipotizzando un RR pari a 1/0,5, basterebbe un unico trade perdente, per vanificare le vincite ottenute con le due trade precedenti chiuse in profitto.

Spesso entro a mercato con due posizioni (seguendo sempre il mio Money Managament): così facendo posso prefissarmi due take profit differenti o anche solo uno, in modo da lasciare correre un trade cercando di cavalcare un possibile trend e spostando di volta in volta lo stop loss.
Entrando a mercato in questo modo, il mio RR può raggiungermi cifre considerevoli se si incontrano trend simili a quelli avuti nell’oro e argento negli ultimi mesi.

Se ad esempio entrassi a mercato ad un livello di Fibonacci del 23.6%, potrei impostare il mio primo take profit nel forex almeno al 61.8% (quindi un RR pari a circa 1/1,5); ed il secondo al livello 100% o 123% (quindi un RR superiore a 1/3).

Molto importanti sono i livelli di Supporti/Resistenze: se sono nelle vicinanze di questi livelli di prezzo, i miei take profit li posiziono a pochi pip di distanza perché corro il rischio che il prezzo inverta in quei punti.

Prendendo come esempio il grafico qui sotto riportato:

Ipotizzo di aver ritenuto quella pin rialzista nella zona rosa come un buon segnale di entrata: la differenza tra il prezzo di entrata (linea verde a 1.32300) e lo stop loss (linea rossa a 1.31300) è di 100 pip.
Con un RR pari a 1/1,5 dovrei piazzare il mio take profit a 1.33800 (linea blu), ma essendo poco sopra una resistenza importante (linea nera a 1.33700) sarebbe opportuna metterlo pochi pip sotto (esempio a 1.33650) per aumentare le probabilità di chiudere il trade in profitto.

Meglio un RR leggermente inferiore che un profitto non preso per pochi pip: vi posso assicurare per esperienza personale che la cosa dà molto fastidio!

Infatti se nel grafico preso in esame avessi osservato in maniera ferrea il RR di 1/1,5, non avrei ancora chiuso la posizione in profitto dopo un bel po di ore; col rischio di una possibile inversione di mercato e conseguente raggiungimento dello stop loss.
 

Conclusioni

Non mi è stato chiaro fin da subito come impostare il take profit nel forex; infatti, nonostante le volte che chiudevo i trade in profitto fossero maggiori di quelli in perdita, il mio conto tendeva a diminuire.

E’ solo da quando ho iniziato a seguire gli insegnamenti di trader professionisti che tenevano un Corso Forex, che ho capito l’importanza del Risk/Reward e di come mettere i take profit nel forex in modo da aumentare la percentuale di vincita dei miei trade.

Se dovessi paragonare il mio stile di trading passato con quello attuale, direi: chi si accontenta gode, ma chi non si accontenta…. gode di più! 😉