Analisi tecnica settimanale EUR USD 28 novembre 2011

di 28 novembre 2011

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.

Le vicende europee sembrano tenere banco nello scenario economico mondiale e le banche americane sembrano prepararsi alla possibilità di un mondo senza più l’euro, in un ragionamento comprensibile, ma non molto lusinghiero per loro, vista la loro corresponsabilità nella situazione  attuale.

La coppia EUR/USD ha risentito in maniera evidente dei problemi del debito stratosferico delle due parti, evidenziando un risvolto più psicologico che di economia reale. La potenza economica sia americana che europea rimangono nel lungo periodo immutate nei grandi numeri, ma i mercati seguono linee molto legate a fattori macro-psicologici oltre che di sostanza economica.

In tutto questo il prezzo Eur/Usd ha seguito un andamento altalenante, legato a momenti più o meno negativi delle due parti. L’andamento dei prezzi è stato fondamentalmente descrittivo della evoluzione dei problemi finanziari sia europei sia statunitensi. I prezzi sono andati in crescendo da maggio 2010 sull’onda della crisi statunitense, con un massimo oltre 1,4900 nell’aprile di quest’anno, poi è cominciata la crisi greca e i prezzi si sono fermati in fase laterale, leggermente decrescente, fino ad agosto, cioè nella fase di contagio all’Italia e Spagna. Ora i prezzi sembrano seguire più decisamente le situazioni macro-economiche, con  la percezione evidente che il lato europeo sia più problematico di quello Statunitense.

Grafico settimanale: l’andamento dei prezzi sul lungo periodo, riflette quanto sopra scritto, con l’ADX sotto 30, ma in deciso rialzo, lo stocastico è in zona ipervenduto, ma ancora non ha incrociato.

Fai il Video Corso GRATUITO con il quale avrai gli
strumenti unici e fondamentali con i quali iniziare la
Tua carriera di Trader Vincente!

Grafico giornaliero: nel dettaglio giornaliero si nota come il prezzo, pur con ritracciamenti fisiologici, stia spingendo verso il basso. L’ADX in questo caso è salito sopra 30 supportando la discesa, lo stocastico ha incrociato verso l’alto.

Conclusioni: la situazione da diversi punti di vista sembra ribassista, aspetterei per una ulteriore conferma la rottura del minimo precedente a 1.3144.

Scenario ribassista: per capire “dove potrebbe arrivare” se si traccia fibonacci, tra il minimo del 04/10 e il massimo del 29/08, si nota come il ritracciamento sia stato perfettamente sul 78,6% con un target quindi, al 161.8% intorno a 1.2300. Come punti intermedi ci sono due un ottimi supporti intorno a 1.2900 e 1.2500

Scenario rialzista: lo scenario  rialzista non sembra molto supportato, ma nel contesto mondiale, neanche totalmente impossibile.  Si potrebbe cominciare ad osservarlo sopra 1.3600 ultimo massimo della discesa in atto.

 

Non aspettare, i posti sono limitati...
Iscriviti Subito nell'unico percorso che ti segue
finché non sei profittevole.
Trader Vincente