Analisi tecnica settimanale GBP JPY 24 ottobre 2011

di 21 ottobre 2011

Partecipa al Webinar d'approfondimento,
nel quale ti comunicheremo gli strumenti per iniziare
la Tua carriera nel Forex.

Osservando i grafici Daily dell’ultima settimana si nota come quasi tutte le coppie appaiano attendiste, cioè i movimenti giorno per giorno si compensino. Probabilmente l’attesa per il vertice G20 di questo fine settimana, quanto mai importante per le scelte sul “fondo salva stati” europeo, hanno messo un freno generale agli investitori. Tra l’altro bisognerà aspettare fino a mercoledì per il possibile ampliamento di suddetto fondo, vista la riconvocazione per motivi tecnici di un vertice lampo per quel giorno. Le decisioni che verranno prese in tale consesso, rappresentano, si spera, il vero argine al problema finanziario della zona europea. Da queste risposte avremo probabilmente l'”uscita” di molte coppie dallo stallo dell’ultima settimana.

Grafico settimanale:

la visione di lungo periodo ci presenta una discesa, cioè un rafforzamento dello JPY dall’agosto 2008, con un crollo di quasi 4500 pip in tre anni, fino a toccare il minimo di sempre poco sotto i 117. L’ADX molto forte arrivato anche a 50, ha supportato l’ultima parte della discesa, ora sembra ripiegare pur essendo ancora molto alto.

Grafico giornaliero: più nel breve si nota la forte e regolare discesa fino al minimo di sempre. Il prezzo ora sembra  rimbalzare tentando un recupero. L’ADX è molto basso, ma sembra riprendersi, lo stocastico ha appena girato verso l’alto in zona 50.

Fai il Video Corso GRATUITO con il quale avrai gli
strumenti unici e fondamentali con i quali iniziare la
Tua carriera di Trader Vincente!

Conclusioni: la situazione europea (GBP non è EUR, ma certamente ne è influenzato), il movimento al rialzo e il minimo di sempre potrebbero essere segni di inversione

Scenario rialzista: il prezzo ha superato di poco il valore psicologico del terremoto a 122,30. Aspetterei un più deciso superamento di tale valore per cercare una entrata long. Il target possibile è sicuramente a 130,80 con un punto intermedio intorno a 128,15 dove, in entrambi i casi, ci sono buone resistenze.

Scenario ribassista: ogni minimo è fatto per essere violato e se il movimento al rialzo fosse solo un ritracciamento e la discesa ricominciasse, potremo tracciare fibonacci sull’ultimo movimento e puntare a valori intorno a 113 o meglio ancora 110. Come conferma della disesa aspetterei la rottura del “piccolo” movimento rialzista con il superamento al ribasso di 120,00.

Non aspettare, i posti sono limitati...
Iscriviti Subito nell'unico percorso che ti segue
finché non sei profittevole.
Trader Vincente