Analisi Forex del 4 dicembre 2016

Settimana calda quella che si prospetta alla riapertura dei mercati di domenica sera.

In particolare sottolineo l’attenzione riguardo alle divise Euro e Yen. Nella zona europea è il referendum italiano che potrebbe far ballare la moneta unica in conseguenza del risultato tra la notte di domenica e la giornata di lunedì.

Proprio durante la notte sarà protagonista la BOJ, Banca Centrale Giapponese, attraverso la conferenza stampa del suo Governatore riguardo il futuro della politica monetaria. Discorso che aprirà le contrattazioni dato il fuso orario tra il Giappone e l’Europa (diretta ore 4:45 locali).

Tornando all’Euro, da sottolineare che lunedì sarà anche la giornata dei dati relativi agli indici PMI, ed infatti avremo nell’ordine:

• 09:15, EUR: PMI dei servizi Spagna
• 09:45, EUR: PMI dei servizi Italia
• 09:50, EUR: PMI dei servizi Francia
• 09:55, EUR: PMI dei servizi Germania

• 10:30, GBP: PMI servizi Regno Unito

Altre news la cui importanza deve farci riflettere nel prendere posizione è l’attesissima riunione della BCE di giovedì 8 dicembre, dalla quale sapremo se sarà confermata l’aspettativa di un rialzo dei tassi d’interesse e se l’Euro potrà contrastare l’attuale forza del Dollaro Americano.

A proposito di americani, andiamo subito a valutare le situazioni più interessanti con il biglietto verde dopo che nella passata settimana, i dati relativi ai NFP si sono dimostrati superiori alle attese e dopo che l’accordo raggiunto tra i paesi dell’OPEC ha fatto schizzare il prezzo del petrolio alle “stelle”.

ANALISI DELLA SETTIMANA

OILUSD D1

TF daily
usoil-d1-12-04-2016-1611

TF H4
usoil-h4-12-04-2016-1613

L’accordo raggiunto dall’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, interessando anche Paesi esterni all’organizzazione, prevede un netto taglio alla produzione per i prossimi mesi e questo a fatto sì che il greggio aumentasse notevolmente di valore in breve periodo.
Sul grafico giornaliero notiamo una significativa resistenza che una volta violata darebbe modo di analizzare gli eventuali pattern rialzisti. In prima battuta consiglierei di mantenere in analisi dal punto di vista Long Term il TF H4, andando a ricercare acquisti dopo il pullback della possibile rottura long del livello 52,00.

USD/CAD D1

usdcad-d1-12-04-2016-1616

Fase di ritracciamento e recupero che sta culminando verso la fine per la coppia americana e nella prossima settimana potremmo vedere la ripresa del trend rialzista. In questo caso oltre che la conferma del pattern LT, ci può aiutare anche una solida analisi tecnica per decidere se e quando entrare a mercato. Dopo la formazione del possibile segnale dovremmo valutare eventuali supporti ed i livelli di Fibonacci per dare un adeguato punteggio al trade.

EUR/USD D1

eurusd-d1-12-04-2016-1624

Euro in ripresa anche se probabilmente parziale, aspettando la riunione della BCE. Allo stato attuale sembra palkese la probabilità di un eventuale segnale ribassista il che aprirebbe la possibilità di vendite su questo cambio, stando al netto trend short decisamente consolidato. Attenzione al livello psicologico 1,0500, baluardo nei confronti di vendite al disotto di questa soglia.

GBP/USD H1

TF H4
gbpusd-h4-12-04-2016-1628

 

TF H1
gbpusd-h1-12-04-2016-1630

Interessante trend rialzista di lungo periodo, evidenziato nell’immagine a quattro ore su di un ampio zoom nel quale si vedono importanti livelli tecnici. Più nel dettaglio potremmo mantenere vigile l’attenzione ricercando ingressi su ritest del supporto violato utilizzando la tecnica Suprema su TF orario.
La Sterlina è l’unica tra le principali valute che al momento si trova al rialzo nei confronti del Dollaro Americano, segno di una certa ripresa del comparto economico/finanziario d’oltre Manica.

Per l’articolo di questa settimana è tutto. Ricordo ai corsisti Premium gli appuntamenti settimanali con il Servizio Analisi ed i vari WEBINAR Live.

Buona settimana e buon trading!!

Alessandro Vitali